Il sostegno psicologico nel periodo del Coronavirus

Le restrizioni necessarie per contenere il coronavirus (SARS-CoV-2), in particolar modo l’isolamento e il divieto a uscire, sono gravose per tutti e possono risultare psicologicamente molto pesanti per alcune persone. A queste si aggiungono la preoccupazione per il diffondersi del virus, la paura che contagi noi o le persone a cui vogliamo bene, l’ansia legata a una possibile crisi economica e alle conseguenze che avrà tutto questo sul futuro, «è normale sentirsi tristi, stressati, confusi, spaventati e arrabbiati» e che un modo semplice ma efficace per stare meglio è fare una videotelefonata a qualcuno di cui ci si fida e comunque:

  1. Non passate le giornate a seguire le notizie sul coronavirus
  2. Mantenere la socialità con le videochiamate
  3. Fare attività fisica
  4. Cercate di mantenere la normalità e seguite una routine
  5. Fare le cose che rimandate sempre o impararne di nuove.

Anche l’attività di fecondazione assistita va ristretta per contenere la trasmissione del Covid19 in Italia. È quanto raccomanda un documento congiunto del Centro nazionale trapianti e del Registro nazionale della procreazione medicalmente assistita (pma) dell’Istituto superiore di sanità. Cnt e Registro chiedono ai centri Pma di sospendere tutti i trattamenti non urgenti, pur sottolineando come tali misure siano da intendersi come raccomandazioni tecniche e non come disposizioni vincolanti, che spettano alle Regioni.

Domande principali:

  • In gravidanza si può trasmettere il virus al feto?

Lo studio rileva che non vi è al momento evidenza di trasmissione verticale da mamma a bambino.

  • In un percorso di procreazione medicalmente assistita (PMA) quali sono i comportamenti da tenere?

I comportamenti da tenere e le precauzioni sono gli stessi per tutti.

Un adeguato sostegno emotivo

lo psicologo sostiene i pazienti nell’esplorare il significato personale della perdita di un obiettivo fondamentale della loro vita e rinforza le loro risorse e gli aspetti positivi del vivere una vita nell’attesa di poter riprendere il percorso.

  • Alcune donne possono avere un rifiuto della gravidanza per paura di eventi negativi nel corso della stessa,
  • Il fatto che alcune donne non siano felici e serene come vorrebbero può causare in loro anche sensi di colpa e vergogna,
  • Un altro vissuto comune è il dover dimostrare a se stessi e agli altri di essere perfetti.

OBIETTIVI

È necessario che le coppie ricevano un adeguato sostegno emotivo per:

  • far fronte in modo sano alle conseguenze dell’esperienza che stiamo vivendo,
  • aumentare i risultati positivi,
  • aumentare la soddisfazione, 
  • ridurre le reazioni psicologiche negative,
  • ridurre l’ansia,
  • aiutare la coppia a confrontarsi con le emozioni che stanno vivendo sviluppando un senso di autostima,
  • elaborare e gestire i sentimenti ambivalenti,
  • aiutare a concludere la loro esperienza.

 In Italia la legge 40, che regola la normativa in merito alla procreazione medicalmente assistita, indica la necessità di un servizio di sostegno psicologico all’interno dei centri di PMA.

I sogni di sempre, più forza che mai.

Maggiori informazioni